10 ANNI IN AZIONE
Azionehera nasce nel 2011 da membri della commissione urbanistica ed ambiente del Quartiere Santo Stefano di Bologna, con uno statuto speciale dedicato alla società quotata, in linea con la normativa Consob vigente. L’associazione parte da una preesistente associazione fondata nel 2008 dagli stessi promotori, veicolo necessario per poter essere ammessi a partecipare ad istruttorie pubbliche ed altre iniziative civiche: Via Emilia a Colori, C.F. 91300100376, iscritta al registro delle Libere Forme Associative del Comune di Bologna al nr. 2163. Due statuti, due codici fiscali, stessa finalità: l’interesse per la salute fisica ed economica dell’ambiente in cui si vive.
2020-2011 => ASSEMBLEE DEGLI AZIONISTI DEL GRUPPO HERA: osservazioni e proposte in merito agli o.d.g.
2020 => CITTA' METROPOLITANA DI BOLOGNA: Osservazioni al Piano Territoriale Metropolitano
Si propone di rendere più fruibile la lettura declinando in due documenti il PTM: uno di sintesi, di semplice consultazione con macro-aggregati e con disegni grafici e tabelle intuitive destinato ad essere compreso dai cittadini. Una versione integrale, più analitica e tecnica, destinata agli addetti ai lavori. Si propone l’inserimento di indici di sostenibilità, dati da rapporto tra aree verdi pubbliche per abitante / unità di misura, con zonizzazione grafica (scala dai toni di rosso, giallo e verde). Individuazione di aree potenzialmente utilizzabili (ex caserme ex opifici centri commerciali dismessi). Richiesta di miglior rappresentazione del meccanismo perequativo. Proposta di Progetti di Architettura dell’Ambiente. 2020 10 17 Osservazioni al Piano Territoriale Metropolitano – Azionehera
2020 => COMUNE DI BOLOGNA: Osservazioni al Piano Urbanistico Generale
2019 => ISTANZA AD ARPAE: Richiesta misurazione quantità di ossigeno nell'aria

Si richiede all’ARPAE che nelle centraline di rilevazione dell’inquinamento dell’aria presenti nell’area urbana della città di Bologna, sia introdotto un misuratore di quantità di ossigeno nell’aria. La rarefazione della quantità dell’aria (vedi composizione percentuale) sotto la soglia media del 20,95% equivale di fatto a respirare aria impura perciò inquinata. Si richiede a tal fine che tra i parametri rilevati sia introdotto pure il dato della precentuale di ossigeno presente nell’aria. Se il parametro è inferiore alla soglia percentuale, occorre prendere provvedimenti. Il primo, proposto da Enrico Nannetti presidente di Azionehera, associazione membra della Commissione Ambiente del Quartiere Santo Stefano, è quella di richiedere tramite il Minitero della Salute l’utilizzo dei 70 ettari di aree demaniali ex militari come fabbriche per la produzione di ossigeno. Si propone inoltre la realizzazione dei Ritiri Urbani, come da proposta richiesta in Regione precedentemente.
Record ARPAE 2019 08 30 _INTERVIEW 1.0_ www.mitconsulting. Testo istanza 2019 08 30 Segnalazione inconveniente – richiesta rilevazione quantità ossigeno in aria

2019 => ISTANZA A REGIONE EMILIA-ROMAGNA: Proposta sui RITIRI URBANI e su BANCA PUBBLICA della Regione

Si propone di ritirare dal mercato immobiliare le aree urbane demaniali (ex militari o ex ferroviarie) e/o ex industriali dismesse o in via di dismissione. Ciò per destinarle ad usi che soddisfino i bisogni dei cittadini: verde pubblico, ossigeno, parcheggi. Proposta di finanziare queste operazioni, oltre che la ristrutturazione delle reti di pubblica utilità e del sistema trasportistico da gomma a ferro (tram e Sistema Ferroviario Metropolitano) attraverso la costituzione di una Banca della Regione sul modello delle LandesBanken, le banche misto pubblico private tedesche. Vedi 2019 04 09 Ritiri Urbani e vedi 2019 04 09 Risorse per investimenti.

2019 => ISTANZA A REGIONE E-R: Rinnovo proposta STAVECO ad Assessore pianificazione territoriale ed urbanistica, tutela paesaggistica, edilizia

Comunicazione diretta all’Assessore Raffaele Donini relativamente al PROGETTO STAVECO , per presentazione progetto www.staveco.it e richiesta incontro. Si chiede di COINVOLEGERE LA CITTADINANZA E LE ASSOCIAZIONI DI CATEGORIA in una PUBBLICA CONSULTAZIONE per una destinazione d’uso condivisa della città dell’area. Si propone un utilizzo misto a PREVALENZA VERDE PUBBLICO a beneficio 2/3 pubblico dei cittadini e 1/3 del mondo della produzione, rivolto al verde pubblico, parcheggi ed eccellenze produttive. Si contrappone al progetto che pare prevederebbe una cementificazione dell’area ad uso per buona parte “direzionali”, ossia pare ad uffici privati, e per la parte minore come sedi di uffici pubblici. La ns. osservazione è che gli attuali uffici pubblici proposti per il trasferimento rimangano dove sono attualmente, integrati da altre ex caserme della zona, magari utilizzando gli art. 41, 42 e 43 della Costituzione, che prevedono l’esproprio per motivi di interesse generale di pubblica utilità dietro equa compensazione.

2018 => ISTRUTTORIA PUBBLICA SUL TEMA DELLE PIANIFICAZIONE URBANISTICA: proposte su come reperire risorse
Comune di Bologna. L’Istruttoria sul tema della Pianificazione urbanistica (con particolare riguardo allo Stadio e ai Prati di Caprara) è stata promossa dal comitato cittadino Rigenerazione No Speculazione, volendo salvaguardare in particolare l’Area demaniale ex militare Prati di Caprara dalle incombenti speculazioni edlilizie. Lo scopo dell’iniziativa è quello di sensibilizzare il governo cittadino a seguire i bisogni dei cittadini, che sono rivolti al verde pubblico (inteso come parco e come verde attrezzato con impianti sportivi, mantenendo e potenziando l’attività del vicino Circolo Cierrebi), e fare altri servizi pubblici come un parcheggio scambiatore, magari con una fermata del Servizio Ferroviario Metropolitano SFM, e servizi all’infanzia e agli anziani.
Al momento dell’Istruttoria, per l’area di 47 ettari, di cui oltre 16 non utilizzabili perché nelle fasce di rispetto del torrente Ravone e del canale della Ghisiliera, sono già stati stanziati circa 6 milioni di euro per la loro bonifica compatibile a parco pubblico. Quindi nonostante le aree disponibili siano circa 18, l’Istruttoria è stata volutamente impostata principalmente sull’Area dei Prati di Caprara sfumando/non considerando tutte le altre aree, una parte di queste di pari se non maggior pregio urbanistico. Al momento della formazione del Comitato Rigenerazione No Speculazione promosso e coordinato dal trio Bollini, Rocchi e Lewansky, Azionehera aveva proposto di fare partecipare al tavolo anche i soggetti che si erano attivati per salvaguardare la destinazione delle altre aree demaniali della città, per formare un unico coordinamento cittadino. I tre hanno gentilmente declinato, preferendo fare un percorso di “Democrazia Deliberativa” , rispetto al tradizionale strumento di consultazioni dei cittadini proposto da Azionehera, finora fatte via cartacea ma che potrebbero essere fatte attraverso la Rete Civica di Quartieri, Comuni, Città Metropolitane/Province. Sinceramente l’attenzione volutamente rivolta solo ad una area (che peraltro potrebbe essere solo destinata a verde -visto che a poca distanza giace Trilogia Navile semi invenduta) fa nascere il sospetto che ci sia stata una regia per fare un gran rumore su una sola area facendo dimenticare le altre, ben più appetibili e di interesse generale per i cittadini… come la Staveco, la Mazzoni, la Masini, ecc. che sono scomparse dal radar e dal dibattito dei sedicenti ambientalisti democratici deliberativi bolognesi…Ecco l’Intervento di Azionehera. 2018 11 09 Istruttoria Pubblica sulle Aree Demaniali – Intervento Azionehera.  Il testo integrale con gli interventi di tutti i relatori si trova sul sito del Comune di Bologna (Azionehera pag.61).
2018 => SANCTA JERUSALEM : sostegno a comitato per la cura e gestione degli spazi comuni della Via Santa Gerusalemme
Il comitato Sancta Jerusalem nasce per collaborare con la pubblica amministrazione con osservazioni e proposte riguardo la cura, valorizzazione e gestione condivisa di spazi di interesse collettivo.  Scopo del comitato è la sensibilizzazione degli organi istituzionali competenti affinché possano provvedere alla sistemazione della strada:  sbancamento del sottofondo, rifacimento e posa di rinnovate reti di pubblica utilità, ripavimentazione originale con la pietra.    www.santagerusalemme.it
2017 => MONETA POSITIVA.IT : proposte monetarie per uscire dalla crisi

L’Associazione Moneta Positiva, è il referente italiano del circuito europeo Positive Money, e si perseguono congiuntamente i seguenti scopi: 1. aumentare la consapevolezza delle persone sui temi della sovranità monetaria e della sua influenza nell’economia; 2. divulgare e spiegare come funziona il nostro attuale sistema economico e monetario; 3. proporre, adattandole per l’Italia, le soluzioni elaborate dal Movimento Internazionale per la Riforma Monetaria (International Movement for Monetary Reform – IMMR); 4. riformare il sistema monetario ed economico in modo che sia più equo e più giusto per i cittadini, riducendo le ingiustizie e le disuguaglianze. La moneta oggi lo Stato o la prende dalle tasse dai cittadini, o la prende a prestito dietro interesse, oppure la può creare.
L’Associazione mira a trovare le modalità legittime e legali affinché lo Stato possa tornare a creare moneta, da mettere in circolo nell’economia fino al raggiungimenti di due vincoli: A. la piena occupazione. B. La stabilità dei prezzi, data da un livello di inflazione compreso tra il 2 e il 4%. Qui sono indicate PROPOSTE CONCRETEsu come fornire moneta all’economia da parte dello Stato: 1. Banche pubbliche  2.  Moneta fiscale  3. Conti di risparmio.
Queste proposte sono in via di discussione a livello politico e se diventano legge sarebbero in grado di fornire dall’oggi al domani tutte le risorse necessarie per la ristrutturazione delle reti di distribuzione e per tutti gli investimenti infrastrutturali richiesti. Enrico Nannetti Presidente di Azionehera, è tra i soci fondatori di Moneta Positiva.

2016 => ALLA POSTERLA: sostegno a comitato per la cura e la gestione condivisa degli spazi comuni di Vicolo Posterla

Il comitato Alla Posterla nasce per collaborare con la pubblica amministrazione con osservazioni e proposte riguardo la cura, valorizzazione e gestione condivisa di spazi di interesse collettivo.  Scopo del comitato è la sensibilizzazione degli organi istituzionali competenti affinché possano provvedere alla sistemazione della strada:  sbancamento del sottofondo, rifacimento e posa di rinnovate reti di pubblica utilità, ripavimentazione originale con la pietra. www.posterla.it

2016 => STAVECO.IT : Progetto di massima di riconversione dell'ex area militare in polo verde ricreativo con mini expò permanente

Ideazione e progettazione di STA.zione VE.rde CO.lli: un polo verde ricreativo sulla prima collina di Bologna, da Porta Castiglione a Porta San Mamolo fino all’Acropoli di San Michele in Bosco. Parco con verde attrezzato per attività sportive, parcheggio scambiatore per accedere al centro storico, asilo, day hospital, e arena per concerti per studenti. Al top della collina verde sarà realizzato un moderno mini expò permanente delle eccellenze emiliane, destinato a buyer, imprendiitori e turisti corporate alla scoperta dei prodotti manifatturieri del territorio. Vedi mini sito dedicato: www.staveco.it

2015 => STATUTO DELLA CITTA' METROPOLITANA DI BOLOGNA: proposta di inserimento di strumenti di Democrazia Diretta

Città metropolitana/Provincia di Bologna. Partecipazione ai lavori dello Statuto della Città metropolitana di Bologna, nella Sala del Consiglio della Provincia di Bologna. Proposte di inserimento nello statuto dei seguenti strumenti di democrazia diretta: 1. introduzione di referendum propositivi e consultivi; 2. elezione diretta del Sindaco della Città metropolitana e del Difensore Civico da parte di tutti i cittadini metropolitani; 3. possibilità di votare per gli odg delle assemblee di società quotate partecipate a maggioranza relativa pubblica dalla Rete Civica del proprio Comune della Città metropolitana, in modalità semplificata.

2014 => ISTRUTTORIA PUBBLICA SUL TEMA DELL'AMIANTO: proposte per come ristrutturare le reti

Comune di Bologna – Istruttoria pubblica sul tema dell’Amianto. Partecipazione ai lavori e formulazione proposte. Vedi Relazione finale, pagina 56, relazione_finale_istruttoria_pubblica_relazione_cg.

2013 => PIANO STRATEGICO METROPOLITANO: proposta di piattaforma di Rete Civica

Partecipazione ai lavori del Piano Strategico Metropolitano nel Tavolo Innovazione, Gruppo di Lavoro “il backbone della smartcity“. Consegna di progetto di 20 pagine con l’architettura della Rete Civica 2.0 concepita su tre pilastri: 1. Open data; 2. Exchange economy; 3. We-Gov.

2012 => COMMISSIONE URBANISTICA ED AMBIENTE DEL QUARTIERE SANTO STEFANO: proposte di metodo per l'ambiente

Comune di Bologna, Quartiere Santo Stefano, Commissione Urbanistica e Ambiente. Proposte: 1. Apertura di un indirizzo di posta elettronico dedicato alla Commissione Urbanistica ed Ambiente per permettere ai cittadini di inviare segnalazioni e proposte via e-mail, ricevendo per ogni segnalazione sia un riferimento di protocollo che un feedback da parte dell’amministrazione, con la possibilità che le segnalazioni e proposte siano indicate sul sito del Quartiere in ordine di data. => PROPOSTA ACCETTATA E REALIZZATA. 2. Proposta di inserire nel regolamento di igiene pubblica la norma che vieta ai proprietari dei cani di far defecare ed urinare sotto i portici, invitandoli a ad accompagnare gli amici a 4 zampe in corrispondenza delle caditoie stradali dell’acqua piovana.

2010 => FORUM NAZIONALE SUL RISPARMIO E CONSERVAZIONE DELLA RISORSA ACQUA: proposte in tema di trasparenza

Comune di Bologna, Forum Nazionale sull’Acqua Pubblica. Proposta di inserire e rendere trasparente online sulla Rete Civica il catasto dei punti di prelievo idrici, aggiornando le tariffe di prelievo, e verifica presso gli uffici della Regione dell’esito di tale proposta.

2010 => ISTRUTTORIA PUBBLICA SULLE POLITICHE DI WELFARE: proposte per come efficientare la spesa e far aumentare le risorse

Comune di Bologna – Istruttoria Pubblica sulle Politiche di Welfare – Di seguito le proposte presentate presso la Sala del Consiglio Comunale riguardo il Sistema del Welfare (SdW). 1. Efficientare il SdW: anche in base all’intervento del Ing. Daniele Corticelli pare che la parte preponderante delle risorse destinate al Sistema del Welfare non vadano agli utenti utilizzatori finali, ma alla sovrastruttura (formata da consulenti psicologi, intermediari, assistenti, facilitatori, ecc.). La proposta è di tornare agli aiuti diretti come assegni familiari, buoni spesa e verifica di chi ha davvero le condizioni per fruire delle risorse pubbliche. 2. Per reperire maggiore risorse, si suggerisce una ripublicizzazione delle aziende quotate a maggioranza relativa pubblica. Ciò anche incentivando i cittadini a comprare delle quote, magari quelle in possesso di grandi gruppi privati. 3. Utilizzare gli 83 ettari di aree demaniali ex militari per costruire servizi ed infrastrutture per soddisfare i bisogni di interesse collettivo, restituendo qualità della vita a tutti i  cittadini. 4. Per come fare a reperire maggiori risorse in assoluto, fare una campagna di informazione ai cittadini sul processo di creazione della moneta, spiegando i temi dell’usurpazione della sovranità monetaria, del signoraggio e della necessità di un ritorno da una moneta privata ad una pubblica, ossia ad un euro creato ed emesso da soggetti pubblici senza il pagamento di interessi per il prestito. A pagina 21 del Verbale del 28-09-2010 si trova il link con l’intervento completo di Enrico Nannetti.

2009 => CONSULTAZIONE PUBBLICA SUL REGOLAMENTO DEL VERDE: proposta di area di pertinenza alberi

Comune di Bologna, Consultazione pubblica sul nuovo Regolamento del Verde Urbano. Proposta di fare rispettare le zone di pertinenza degli alberi durante lavori dsi scavo e ripavimentazione. => OSSERVAZIONE ACCETTATA ED INSERITA (Vedi Titolo II Art.6 pag.12/61 –  Reg.comunale_del_verde_pubblico_e_privato)

2008 => ISTRUTTORIA PUBBLICA SUL DECENTRAMENTO AI QUARTIERI: proposte di inserimento di strumenti di Democrazia Diretta
Comune di Bologna – Istruttoria pubblica sul decentramento ai Quartieri. Audizione di proposte di cittadini e associazioni sulla proposta di Legge deul Decentramento ai Quartieri promossa in particolare dall’Assessore Libero Mancuso e dal giurista Luciano Vandelli, volta in sostanza a fornire maggiori funzioni e risorse ai Quartieri. Azionehera, già Via Emilia a Colori, propone l’inserimento nello Statuto comunale dell’istituto del referendum propositivo (legge di iniziativa popolare) e referendum consultivo, nonché l’elezione diretta del Difensore Civico. (Vedi Atti e relazioni finale, pagina 60).